Farmacia Comunale

La Farmacia di Sinalunga, già farmacia per il servizio dell'Ospedale di Sinalunga, nella cui struttura aveva sede, è stata trasferita alla competenza del Comune in coincidenza con i processi di riorganizzazione del Servizio Sanitario Nazionale a seguito delle significative modifiche introdotte a partire dalla Legge n. 833/1978
Negli anni una nuova sede è stata ricercata dal Comune, proprio nella centralissima piazza Garibaldi.
A partire dall'ottobre 2006 la Farmacia Comunale è affidata, dal Comune di Sinalunga alla gestione dell'Azienda Pubblica di Servizi alla Persona "Istituto Maria Redditi" con sede in Sinalunga attraverso uno specifico contratto di servizio e sulla scorta degli indirizzi della Legge Regionale che in Toscana ha istituto le APSP quali soggetti giuridici di trasformazione delle ex IPAB.
Lo Statuto dell'Azienda all'articolo 3 "Scopi" ed al comma 4, prevede che "L'Azienda, attraverso rapporti convenzionali (compresi specifici contratti di servizio), può gestire attività economicamente vantaggiose comunque strumentali ai propri scopi istituzionali, stabiliti nel presente Statuto".
Il conferimento della gestione della Farmacia Comunale alla nuova Azienda pubblica di Servizi è stata motivata dalla volontà dell'Amministrazione comunale di continuare ad investire in questo settore che assume un ruolo importante a supporto dei servizi sanitari e soprattutto valore nei processi di educazione e promozione della salute nella comunità.

La Farmacia Comunale nello svolgimento della propria funzione di servizio pubblico sociale ed essenziale opera per:

  • la dispensazione dei medicinali autorizzati alla vendita, garantendo adeguata informazione ai cittadini sull'uso specifico dei farmaci prescritti e somministrati, comprese le controindicazioni laddove presenti;
  • l'erogazione di prodotti dietetici, presidi medico-chirurgici ed altri prodotti sanitari a carico del S.S.N.;
  • la partecipazione a programmi di informazione, prevenzione ed educazione sanitaria;
  • la partecipazone al monitoraggio dei consumi farmaceutici anche ai fini delle indagini di farmacovigilanza